• Fonema-udito-perdite-uditive

UDITO E PERDITE UDITIVE

Scopri perché sentire bene è così importante e quali sono i sintomi della sordità

L’udito è uno dei nostri cinque sensi, l’unico che è attivo anche mentre dormiamo. La funzione uditiva è fondamentale per la nostra sicurezza e per la qualità della vita. Abbiamo bisogno dell’udito sul lavoro (ad esempio per ricevere una telefonata o partecipare ad una riunione), nelle occasioni sociali (per conversare con gli amici), a scuola e in generale per la nostra sicurezza. Basti pensare a quanto è importante, in strada, sentire un clacson o la sirena di un’ambulanza. O ancora il grido di aiuto di una persona. Il calo dell’udito non è certo un fenomeno infrequente. Anzi, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un vero e proprio allarme sordità. E L’Italia non è da meno: nel 2015 si stimavano circa 11 milioni di persone con un certo grado di ipoacusia.

Fonema-cause-perdita-udito

Le cause della perdita dell’udito

La perdita dell’udito è spesso causata dall’età che avanza, ma non sempre. Può colpire anche persone giovani ed essere causata da infezioni, lesioni, uso di alcuni farmaci o difetti congeniti. Quando è legata all’età (presbiacusia) comporta la perdita della capacità di sentire i suoni più deboli e acuti. Il sintomo più comune è la difficoltà di comprendere le voci in ambienti rumorosi. Spesso i membri della famiglia la notano ancor prima che la persona interessata ne prenda coscienza. Ma l’ipoacusia può essere causata anche da rumori elevati. L’esposizione costante a rumori forti può infatti causare gravi danni uditivi, anche permanenti. Succede sul posto di lavoro ma anche ai concerti, ed è pericoloso ascoltare molta musica ad alto volume con le cuffie o auricolari.

Le conseguenze della perdita dell’udito

La perdita uditiva può influenzare in maniera significativa la vita sociale. Se l’udito non è in forma, infatti, diventa difficile sostenere le conversazioni e comprendere appieno i propri interlocutori, specialmente nei luoghi affollati. Non solo. Sentire i suoni è un processo meccanico, che avviene tramite le orecchie, ma dar loro un senso, comprenderli, è un processo cognitivo. Avviene tramite il cervello. E se il cervello non riesce ad attribuire un senso ai suoni, si affatica molto. Per questo chi soffre di ipoacusia si sente affaticato dopo una lunga conversazione. Per lo stesso motivo tenderà ad evitare i luoghi affollati e rumorosi, come ad esempio un ristorante, perché non si sentirà a proprio agio. La perdita uditiva genera isolamento sociale. E l’isolamento sociale atrofizza le funzionalità cognitive. Il calo della qualità della vita è evidente e coinvolge anche la famiglia e gli amici.

Fonema-conseguenze-perdita-udito

I sintomi

  • Pensi che le persone intorno a te mormorino o parlino a bassa voce?

  • Hai difficoltà nel seguire le conversazioni in ristoranti o luoghi affollati?

  • Devi spesso alzare il volume del televisore, della radio o del telefono?

  • Amici e familiari si lamentano che devono ripetere quello che ti dicono?

  • Devi guardare i volti delle persone, e leggere il labiale, per essere in grado di capire quello che stanno dicendo?

  • Non riesci più a percepire i suoni “lievi” come il cinguettio degli uccelli, i passi o il ticchettio dell’orologio?